Il Funnel nel Web Marketing

il funnel nel web marketing

Sempre più spesso gli esperti che si occupano di Web Marketing parlando, nominano spesso la parola Funnel vediamo un pò di fare chiarezza su cosa sia e in cosa ci può essere utile per il nostro business

Il funnel: “L’imbuto” rovesciato del tuo sito web

Il termine funnel (dall’inglese, letteralmente, “imbuto”) viene utilizzato nel contesto del web marketing per indicare un processo tanto semplice quanto efficace nelle strategie di vendita: non a caso, molto spesso di suole parlare di funnel di vendita o di imbuto di vendita.

Il processo in questione viene rappresentato sotto forma di un imbuto rovesciato, in cui ciascuna sezione va ad individuare uno step da seguire per l’esecuzione di una strategia di web marketing in grado di di “accompagnare” i contatti del tuo sito fino a farli diventare clienti.

Lo scopo del funnel nel web marketing, infatti, è proprio quello di trasformare i contatti in veri e propri acquirenti.

Il vantaggio del “metodo dell’imbuto” è dato dalla relativa semplicità con cui potrai tenere sotto controllo il percorso del cliente: dal momento in cui entri in contatto con un perfetto sconosciuto a quello in cui questo si trasforma in un cliente fedele.
Il funnel, infatti, mostra in modo facile da comprendere l’avanzamento del percorso decisionale che subisce il consumatore, a partire dalla sollecitazione rispetto ad un certo brand, passando per la scrematura dei diversi prodotti per arrivare alla fase di acquisto vera e propria.

Una delle proprietà del Funnel che ci rende la vita più semplice, è la misurabilità di ogni step, si perchè è fondamentale trovare fonti di traffico che siano molto interessate al nostro Prodotto o servizio

Le fasi principali del funnel

Per approfittare al massimo delle possibilità offerte dal funnel marketing, è importante che tu conosca in dettaglio le principali fasi del funnel, ossia le diverse tappe che il potenziale cliente affronta per arrivare al cuore del tuo business: dalla scoperta del tuo sito fino all’acquisto dei tuoi prodotti e alla completa fidelizzazione al tuo brand.

La fase di inizio è quella del Lead: dovrai cominciare con il riconoscere la provenienza e la qualità dei contatti che affiorano sul tuo sito, essenzialmente per comprendere quanti clienti provengono dalla ricerca organica e quali, invece, sono stati attratti da una specifica campagna (come Adwords sui siti e così via).

Lo step successivo è quello di verificare e comprendere il tasso di conversione delle tue landing page: quanti contatti che arrivano sul mio sito possono diventare clienti e quanto e come posso incrementare questo tasso? La conversione è il processo più importante del funnel, perché permette definitivamente di conquistare il contatto e spingerlo all’acquisto del tuo prodotto.

Qui le strategie da adottare possono essere numerose, ma se possiedi dei contatti qualificati dovresti anteporli a tutti gli altri, creando un canale preferenziale, fornendo loro informazioni e cercando di anticipare i loro effettivi bisogni. In questo modo farai sì che i contatti ti accordino la loro preferenza, optando, nel marasma di offerte cui sono esposti, per il tuo prodotto rispetto a quello della concorrenza.

Lo scopo di tutto questo percorso è, naturalmente, quello di trasfromare i tuoi contatti in clienti. Una volta operata correttamente la conversione, potrai proporre finalmente la vendita, dal momento che gli utenti sono diventati, nel frattempo, pronti per acquistare.

Ora, se queste sono le fasi più importanti del funnel, ricorda quello che abbiamo detto: l’imbuto rovesciato serve non soltanto ad incrementare l’attrattività e le vendite del tuo sito, ma anche a trasformare i clienti già acquisiti in qualcosa di più.

Si può dire, in altre parole, che il funnel presenta almeno una ulteriore quarta fase, che è quella della “Loyalty”.

Infatti, una volta che il consumatore ha deciso di acquistare il tuo prodotto, verificherà che le aspettative che avevi creato corrispondono alla realtà e, conseguentemente, metterà alla prova la sua decisione di fidarsi della tua offerta.

Se sei sicuro della qualità del tuo prodotto e hai gestito un servizio impeccabile, la soddisfazione del consumatore lo porterà a ripetere l’esperienza d’acquisto: in altri termini, se il cliente è soddisfatto, acquisterà di nuovo.

Inoltre, la sua fidelizzazione lo porterà a fare il tuo gioco: parlare positivamente del tuo brand, che, tramite il passaparola, avrà ulteriori stimoli ad attirare potenziale clientela da “convertire” tramite il funnel marketing.

Per ogni sito web c’è un funnel diverso in base a molte variabili

Quello che ti abbiamo descritto finora è solo il modello classico di funnel, ma potrai facilmente immaginare che esistono numerose alternative e combinazioni di sistemi di “funneling”, le cui carateristiche variano a seconda della tipologia di prodotto venduto, del settore in cui operi e dello stesso target di clienti cui riferire sia il tuo brand che le tue strategie di marketing.

Ad esempio, ci sono aziende che strutturano la propria stessa articolazione in un vero e proprio funnel fisico, strutturando ogni proprio comparto alla raccolta del traffico, alla sua elaborazione e alla “educazione” dei contatti per ottenerne dei clienti.

In generale, è possibile ricorrere a differenti metodi di funnel a seconda dei tuoi obiettivi e delle caratteristiche del tuo business. Per comodità, ti elenchiamo i principali tipi di funnel e per quale contesto è preferibile utilizzarli:
– il “Sales/Webinar Funnel” è quello di cui ci siamo occupati finora ed è volto a favorire il passaggio del contatto a cliente e ad incrementare la sua propensione ad acquistare nuovamente;
– il “Lead Capture Funnel” è quello normalmente utilizzato nel caso in cui si vogliano raccogliere contatti e indirizzi, così da avviare una successiva operazione di analisi del traffico del proprio sito;
– il “Launch Funnel” è un modello che viene utilizzato per invitare gli utenti a compiere una certa azione, così da renderli destinatari di una certa campagna di marketing;
– il “Custom Funnel”, che si caratterizza per la possibilità di combinare i modelli precedenti, in modo da creare la strategia più adatta alle esigenze del business.

Come anticipavamo, la scelta dei modelli di funnel più adatti alle tue esigenze dipende dalle caratteristiche del prodotto o servizio che offri, ma anche del modo in cui il tuo business è presente sul web o può contare una capacità di diffusione rispetto ad un certo tipo di pubblico.

Senza contare, ovviamente, che le tue competenze e conoscenze del settore possono influenzare la scelta dell’una o dell’altra soluzione, come pure orientarti verso la consulenza di esperti del web marketing.


Recommended Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.