Blog

web designer

Cosa fa un web designer

Vi è mai capitato di navigare nel vasto mondo di internet ed essere piacevolmente colpiti da un sito web?
Dalla sua grafica accattivante, dalla semplicità di navigazione, oppure dal mondo in cui erano disposti i contenuti multimediali.

Dietro questi siti c’è un buon webdesigner che si occupa di queste tematiche.

Cosa significa Web design

Per Web Design s’intende la progettazione e la creazione di un sito internet.
Una piattaforma web contiene al suo interno una serie di elementi (codici, testi, immagini, audio e video) che vengono disposti in maniera gradevole, con l’obiettivo di comunicare un messaggio, nel modo più chiaro e semplice possibile. Proprio in riferimento a quest’ultimo punto, è indispensabile sottolineare che, un sito internet deve possedere due caratteristiche fondamentali: l’usabilità e l’accessibilità.

Usabilità e accessibilità

L’usabilità garantisce all’utente una piacevole navigazione, in quanto i contenuti inseriti all’interno delle pagine sono facilmente individuabili, comprensibili e utilizzabili. Una gradevole esperienza d’uso può favorire un feedback positivo da parte dell’utente e, un incentivo a ripeterla.
Per accessibilità, invece, s’intende la fruibilità del sito da parte del maggior numero possibile di utenti, indipendentemente da disabilità e da differenti dispositivi usati per la lettura delle pagine. Mentre l’usabilità si riferisce ad uno specifico target di utenti preventivamente individuato, l’accessibilità si rivolge ad un’utenza più vasta. L’accessibilità, permette dunque, una consultazione ottimale sia a persone normodotate, sia a quelle colpite da disabilità, ma non solo, anche ad utenti che non possono sfruttare le ultime tecnologie sul mercato, ma hanno la possibilità di collegarsi unicamente da dispositivi ormai datati.

UX Design e UI Design

Per User Experience Design s’intende quell’insieme di processi realizzati per aumentare la soddisfazione dell’utente, ottimizzando l’usabilità di un sito web, la sua facilità di utilizzo, l’intuitività e l’interazione. L’obiettivo finale è quello di migliorare l’esperienza dell’utente consentendogli di accedere in maniera rapida e intuitiva alle informazioni di cui ha bisogno.
L’User Interface Design si occupa della progettazione dell’interfaccia utente, lo strumento che permette all’essere umano di relazionarsi con il prodotto. In questo campo, entrano in gioco la comunicazione, lo studio delle interazioni e l’utilizzo dei colori e dei caratteri tipografici. Questi due settori collaborano tra loro, al fine di definire la relazione che l’utente avrà con il sito.

Responsive Design

Negli ultimi anni, si sente sempre più spesso parlare di Responsive Design. Con questi termini s’intende un metodo di realizzazione, che permette ad un sito internet di adattarsi a diversi dispositivi mobili, come ad esempio, gli smartphone e i tablet. Mentre in passato si realizzavano diverse versioni del sito per dispositivi differenti, adesso, grazie al responsive design, si lavora con le caratteristiche CSS, realizzando un sito web che si adatta perfettamente, riformattando i contenuti e creando un’esperienza di visualizzazione ottimale. Al giorno d’oggi, sempre più utenti accedono al web da smartphone e tablet, dunque questo tipo di strategia, potrebbe risolvere molteplici esigenze di visualizzazione.

Web Designer

Le professionalità che lavorano nella progettazione dei siti web sono numerose e i ruoli sono spesso poco delineati. In generale, è possibile distingue due figure principali che si occupano della realizzazione di una piattaforma internet: il programmatore (o developer) e il web designer. Il developer lavora principalmente sui linguaggi di programmazione mentre il web designer si occupa della realizzare la grafica del sito e di tutti quelli elementi che lo rendono fruibile.
Il web designer deve possedere delle competenze trasversali che vanno dalla programmazione alla grafica, deve lavorare con colori, contrasti, formati, caratteri e con tutti gli elementi che gli permetteranno di realizzare un prodotto di qualità che soddisfi l’utente finale. Nello specifico, le conoscenze minime basilari di un web designer devono essere di: web marketing, SEO e SEM, linguaggi web quali HTML, CSS, HTML5 e CSS3, conoscenze di programmazione e animazione (PHP, ASP, Flash, XML, Javascript), che permettono ai siti una maggiore interattività e, i programmi di grafica quali, per citare i più conosciuti ed utilizzati, Illustrator e Photoshop del pacchetto Adobe.

Per concludere, è utile sottolineare che il web è in continuo cambiamento, dunque i professionisti di questo settore devono progettare dei siti destinati ad un’evoluzione continua, con dei layout accattivanti, interfacce di navigazione semplici ed intuitive, con contenuti chiari e facilmente reperibili e soprattutto, che rispettino le caratteristiche di usabilità e accessibilità.

No Comment

Post A Comment